[Ben Player - Air Forward - Tutorial]


La chiave per avere successo in questa manovra è aumentare sempre di più la velocità e l’esecuzione della proiezione. Ironia della sorte per gli air forwards è che la visione in avanti (forward vision) è un must: è necessario pensare oltre, al di là del fossato.


Per raggiungere la proiezione perfetta è necessaria una bottom turn (si sposta il corpo verso l’onda e si solleva il bodyboard con il braccio esterno) la tavola abbastanza dritta per poi puntare il naso al pitching lip (il labbro dell’onda che fa da trampolino di lancio). Questo è probabilmente il passo più importante, in quanto più tempo si sta in aria, più tempo si ha per completare la rotazione.

La sincronizzazione del corpo e della tavola per l’atterraggio è fondamentale. Mantenere i gomiti ancorati è della massima importanza per l’esecuzione e l’equilibrio. Il naso della tavola deve essere volto verso il basso, verso la faccia dell’onda. Mantenere forte la tavola, prendere il toro per le corna, perchè se si è raggiunta una notevole altezza nel lancio, l’atterraggio non sarà una passeggiata nel parco.